Casateatro

Di qua dall'infinito – Casateatro
3174
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-3174,bridge-core-2.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_menu_slide_from_right,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Teatro Era
Teatro della Toscana
Tessera 2019—2020

21 – 24 Novembre 2019
Fondazione Teatro della Toscana
DI QUA DALL’INFINITO

di e con Michele Santeramo
musiche dal vivo di Sergio Altamura (chitarra) e Giorgio Vendola (contrabbasso)
e la partecipazione di Fabio Facchini (iNuovi)

Da una parte “L’Infinito” descritto dai versi di Leopardi. Dall’altra la finitudine del presente che viviamo.
Tra queste due dimensioni si muove il racconto di Santeramo, in un travolgente flusso ipnotico e potente ricco di slanci poetici, pagine di diario, flash di cronache quotidiane. E tutta la musica imbastita dal vivo dal chitarrista e alchimista di suoni Sergio Altamura e dal contrabbassista Giorgio Vendola.
A venirne fuori è un mosaico di parole, gesti e suoni teso a portare lo spettatore sul filo della riflessione a partire dalla infinita corsa dei giorni, che inghiotte nella confusione e non permette più di affacciarsi su una visione che vada “oltre” quell’ermo colle” che “il guardo esclude”.
Non c’è “dolce naufragar” – sembra sottintendere Santeramo – in questa assenza di silenzio, che non consente all’immaginazione il minimo spazio per spiegare le ali e per reagire alla drammatica caducità delle cose.

No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.