Casateatro

Un progetto a cura di
Un progetto a cura di
Dialoghi sui profughi – Casateatro
3123
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-3123,bridge-core-2.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_menu_slide_from_right,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Dialoghi sui profughi

Teatro delle Arti
Tessera 2019—2020

Venerdì 6 Dicembre 2019
Chille de la Balanza

DIALOGHI DI PROFUGHI

liberamente tratto dall’omonimo testo di Bertolt Brecht
con Matteo Pecorini, Rosario Terrone e con la partecipazione di Claudio Ascoli nel ruolo di Bertolt Brecht
scrittura scenica Claudio Ascoli e Sissi Abbondanza

Tratto da  Dialoghi di profughi che Bertolt Brecht scrisse nel 1940-1941 negli anni del suo esilio in Finlandia, lo spettacolo parte dall’arrivo ad Helsinki dello scrittore di drammi. Brecht porta con sé le voci e le presenze della sua famiglia allargata e delle sue donne: la moglie ed attrice Helene Weigel, la dolce collaboratrice e innamorata Margarete Steffin, e ancora Ruth Berlau, attrice e regista danese conosciuta a Copenaghen, ben presto sua appassionata amante. I Dialoghi, ad oggi uno dei testi brechtiani meno frequentati, sono anche un’amara riflessione su potere e populismo: <<Le dirò una cosa: il potere, il popolo se lo prende solo in caso di estrema necessità. Dipende dal fatto che gli uomini in generale pensano soltanto in caso di estrema necessità. Solo con l’acqua alla gola. La gente ha paura del caos>>.

No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.