Fuck Me(n) – Casateatro
2845
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-2845,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 
Teatro Cantiere Florida - Firenze

Fuck Me(n)

1, 2 Febbraio 2019, 21.00

Alex Cendron
Fuck Me(n)
Studi sull’evoluzione del genere maschile

di Massimo Sgorbani, Giampaolo Spinato, Roberto Traverso
con Alex Cendron
regia Carlo Compare
da un’idea di Renata Ciaravino
musiche di Paolo Coletta
produzione Festival Mixitè, Dionisi Compagnia Teatrale

I maschi. Di quello che fanno si parla sempre. Di come cambiano, di cosa provano, di cosa sentono, poco. Quasi niente. Il femminile è sotto esame, lo si sviscera, lo si difende, lo si comprende. Il maschile si dà per scontato come un’attitudine immutabile, sempre uguale. Qualcosa si dice sull’omosessualità maschile. Per il resto poco. Quasi niente.

Abbiamo chiesto a tre autori di scrivere sulla maschilità. Sulla maschilità eterosessuale, quella integrata, quella data per positiva, quella che produce, che è riconosciuta come bene, come “potente”, come qualcosa che ancora guida le sorti del mondo. Abbiamo chiesto di scrivere quello che nessuno dice. Di mostrarne gli andamenti profondi, le ombre, quello che non è “in azione”, che non produce, quello che si muove sotto.

La vera emancipazione sessuale e di genere è integrare in ciascuno i poli di maschile e femminile. Ma se del maschile in termini non attivi non se ne parla mai quest’emancipazione risulta impossibile.

Ne sono uscite tre storie che compongono un unico quadro, un’unica musica, un unico grido di battaglia (o di dolore). Alex Cendron, uno degli attori più raffinati della sua generazione, incarna tutti e tre restituendo un’unica storia, quella di un uomo che resiste alla debolezza fino a schiantarsi.

No Comments

Post A Comment