Casateatro

Il misantropo – Casateatro
3172
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-3172,bridge-core-2.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_menu_slide_from_right,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Teatro Era
Teatro della Toscana
Tessera 2019—2020

9 – 10 Novembre 2019
Gli Ipocriti – Melina Balsamo
Giulio Scarpati, Valeria Solarino
MISANTROPO

di Molière
traduzione Cesare Garboli
con Blas Roca Rey, Anna Ferraioli, Matteo Quinzi, Federica Zacchia, Mauro Lamanna, Matteo Cecchi
scena Luigi Ferrigno
costumi Marianna Carbone
luci Raffaele Perin
musiche Marco Schiavoni
regia Nora Venturini

Un uomo e una donna con torti e ragioni equamente distribuiti, protervi nel non cedere alle richieste dell’altro, attaccati tenacemente alle proprie scelte di vita, in perenne conflitto tra loro. Giulio Scarpati e Valeria Solarino sono i protagonisti del Misantropo di Molière diretto da Nora Venturini, una commedia amara in cui non è previsto il lieto fine. Attorno a loro si muove un carosello di tipi umani: il politico con velleità da scrittore, i giovani bene, vanesi e modaioli, la dama di carità, ipocrita e bigotta; parodie dei vizi e dei difetti dell’alta società
di ieri, di oggi e domani. In questo capolavoro sempre in equilibrio tra commedia e tragedia l’aspetto privato del tormento
amoroso è dal punto di vista teatrale altrettanto interessante di quello sociale, perché ne evidenzia il fattore umano e ce lo rende sempre attuale a distanza di secoli. Tragici e comici insieme, Alceste e Célimène sono nostri contemporanei come coppia sentimentalmente impossibile: non si capiscono, ma si amano, si sfuggono, ma si cercano, si detestano, eppure faticano a separarsi. Nei loro difetti possiamo ritrovarci e riconoscerci; e ne ridiamo, guardandoci allo specchio.
Nora Venturini

No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.