Casateatro

Un progetto a cura di
Un progetto a cura di
Mastro Don Gesualdo – Casateatro
3239
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-3239,bridge-core-2.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_menu_slide_from_right,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Teatro Cantiere Florida
Tessera 2019—2020

Martedì 14 e mercoledì 15 gennaio 2020
prosa
GUGLIELMO FERRO | ENRICO GUARNERI
MASTRO DON GESUALDO

da Giovanni Verga
con Enrico Guarneri
e con Rosario Marco Amato, Pietro Barbaro, Giovanni Fontanarosa, Rosario Minardi, Vincenzo Volo, Alessandra Falci, Francesca Annunziata, Doriana Nobile
rielaborazione drammaturgica Micaela Miano
regia Guglielmo Ferro
scene Salvo Manciagli
costumi Carmen Ragonese
musiche e video proiezioni Massimiliano Pace
produzione Associazione Progetto Teatrando

È Enrico Guarneri, attore che ha magistralmente superato la ‘fase popolare’ della sua carriera conquistando il favore di un vasto pubblico, a portare in scena l’indimenticabile protagonista verghiano: dotato di una innata vis comica e tecnicamente assurto al ruolo di attore poliedrico, si è dimostrato capace di passare dal registro drammatico a quello grottesco con grande maestria. A dirigere lo spettacolo è invece Guglielmo Ferro, figlio di Turi Ferro interprete del Mastro-don Gesualdo nel 1967, che si dedica alla drammaturgia contemporanea adottando una tecnica registica di respiro europeo. La sua profonda conoscenza del teatro contemporaneo, il gusto minimalista e moderno delle sue messinscene sono indispensabili per un’operazione culturale che mira, nel rispetto assoluto del valore storico-letterario del testo verghiano, ad una trasposizione più attuale del Mastro-don Gesualdo. La rielaborazione drammaturgica di Micaela Miano intende ricontestualizzare il concetto di roba, che permea il romanzo, l’incessante e frenetica attività di speculazione di un mondo di estremo materialismo, dove non c’è posto per i sentimenti. Non c’è alcuna visione positiva della vita, che emerge come un vicolo cieco, inesorabile.

No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.