Casateatro

Un progetto a cura di
Un progetto a cura di
È bello vivere liberi – Casateatro
658
post-template-default,single,single-post,postid-658,single-format-standard,bridge-core-2.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_menu_slide_from_right,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
Teatro del Popolo - Castelfiorentino

È bello vivere liberi

Martedì 07 Febbraio 2017

È bello vivere liberi

Marta Cuscunà
È bello vivere liberi

Vincitore del Premio Scenario per Ustica ’09. Ispirato alla biografia di Ondina Peteani Prima staffetta partigiana d’Italia. Deportata ad Auschwitz n° 81 672. Lo spettacolo si ispira all’omonima biografia di Ondina Peteani che, a soli 17 anni, si accende di un irrefrenabile bisogno di libertà e si scopre incapace di restare a guardare, cosciente e determinata ad agire per cambiare il proprio Paese. Ondina partecipa alla lotta antifascista nella Venezia Giulia, dove la Resistenza inizia prima che nel resto d’Italia grazie alla collaborazione con i gruppi partigiani sloveni nati già nel 1941 per opporsi all’occupazione fascista dei territori Jugoslavi. Il suo percorso inizia con le riunioni clandestine della scuola di comunismo, diventa staffetta partigiana e comincia ad affrontare le missioni più impensabili. La sua vicenda però, è stravolta bruscamente nel ’43 quando, appena diciannovenne, viene sprofondata nell’incubo della deportazione nazista. Ma è proprio in questo drammatico momento che Ondina ritrova con ostinata consapevolezza l’unica risposta possibile: Resistenza! Perché è bello vivere liberi!

Search Users
No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.