Casateatro

Un progetto a cura di
Un progetto a cura di
Groppi d’amore nella scuraglia – Casateatro
671
post-template-default,single,single-post,postid-671,single-format-standard,bridge-core-2.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_menu_slide_from_right,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
Teatro delle Arti - Lastra a Signa

Groppi d’amore nella scuraglia

Venerdì 17 febbraio 2017

Groppi d’amore nella scuraglia

Emanuele Arrigazzi
Groppi d’amore nella scuraglia

di Tiziano Scarpa
Regia di Emanuele Arrigazzi.
Con Emanuele Arrigazzi.
Musiche originali eseguite dal vivo da Andrea Negruzzo

Emanuele Arrigazzi è uno Scatorchio irresistibile. Si immerge nei larghi pantaloni della sua maschilità e la rende umanissima. Travolgente e impetuoso, Emanuele-Scatorchio fa spalancare le risate degli spettatori e le conficca nelle profondità della commozione. 

Emanuele riesce a rendere tutto così naturale!, come se la cialtroneria e la sgangheratezza di Scatorchio venissero fuori spontaneamente. In realtà è l’artista-attore che le ottiene con la sua raffinatezza, e attingendo a quella parte selvaggia dell’animo maschile che abbiamo tutti, ma che ci dicono sia meglio non tirare fuori.

La maestria da grande attore si vede anche in questo: Emanuele spesso lascia che sia Scatorchio a recitare, cede a lui il compito di imitare tutti gli altri personaggi: e così il nonno, la vedova Capecchia, il sindaco, il prete, l’amata Sirocchia, il rivale Cicerchio e tutti gli altri, sono impersonati dal protagonista più che dall’attore; hai l’impressione che sia direttamente Scatorchio a presentarteli. In questo modo l’immersione nel racconto è ancora più intensa, il coinvolgimento è potente, e questa storia arriva al pubblico con una forza moltiplicata.

 

Search Users
No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.