Casateatro

Un progetto a cura di
Un progetto a cura di
Play duett – Casateatro
3178
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-3178,bridge-core-2.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_menu_slide_from_right,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Teatro Era
Teatro della Toscana
Tessera 2019—2020

18 e 19 Gennaio 2020
Casa del Contemporaneo
PLAY DUETT

di A.A.V.V. da Basile a Moscato, da Viviani a Iacobelli
con Tonino Taiuti, Lino Musella
musiche dal vivo di Marco Vidino

Play Duett è un gioco. In scena due dei migliori interpreti del teatro napoletano, Tonino Taiuti e Lino Musella, vincitori del premio LE MASCHERE 2014. Lo spettacolo vede come elemento dominante l’improvvisazione, un’apparente costruzione giocosa, che rende la pièce ricca di sfaccettature e molteplici sfumature e per effetto di tali primarie caratteristiche ogni replica ricca di differenti varietà che i due costruiscono, di volta in volta, mediante l’introduzione di elementi differenti e giochi improvvisati. In esso sono contenuti tutti gli elementi fondamentali del teatro e della messa in scena: la recitazione e il reading, la musica e il canto, l’improvvisazione, la regia, il travestimento, il gioco di luci, la meta teatralità, il rapporto con lo spazio e con il pubblico, l’alternanza di tempi e luoghi, l’antropologia e soprattutto i testi, teatrali e poetici, la drammatizzazione. Due attori, due volti, due voci, due figure diversamente coetanee si cercano tra le macerie dove si mescolano vecchio e nuovo. Si parlano attraverso un concerto improvvisato non di note ma di lingue dove i frammenti di classici del teatro napoletano si trovano in faccia ai contemporanei, senza tempo. Si apre con una fiaba tratta da “Lo cunto de li cunti” di Giambattista Basile che si intreccia con “Trianon” di Enzo Moscato, passando per il “Don Fausto” di Petito e i versi di Viviani fino ad arrivare ai Sonetti di Shakespeare tradotti in napoletano da Dario Iacobelli. Una performance che regala divertimento e spensieratezza ma che, attraverso la tecnica scenica più carnale e veritiera, infonde cultura al pubblico attraverso il gioco.

No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.