Casateatro

Un progetto a cura di
Un progetto a cura di
Laborazione 2020 – Casateatro
3272
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-3272,bridge-core-2.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_menu_slide_from_right,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Teatro Cantiere Florida
Tessera 2019—2020

Venerdì 24 aprile 2020
danza

LEONARDO DIANA | MARTA BEVILACQUA
VERSILIADANZA | COMPAGNIA AREAREA
R.O.S. RESEARCH OPEN SPACE | OPUS BALLET CENTRO COREOGRAFICO
LABORAZIONE 2020

regia e coreografia Marta Bevilacqua, Leonardo Diana
in collaborazione con R.O.S. Research Open Space e Opus Ballet Centro Coreografico

Marta Bevilacqua e Leonardo Diana sono due coreografi che lavorano attivamente da più di 10 anni nel panorama italiano e internazionale. La loro collaborazione nasce da un profondo rispetto verso la reciproca metodologia di lavoro e da un comune approccio nella ricerca sul movimento, che si concretizza nel 2015 con la coreografia a quattro mani Narciso_Io, e continua tutt’oggi nella realizzazione di progetti comuni.

Danzare è sempre provare meraviglia. Armonica o frastagliata, essa parla del nostro modo di abitare il mondo o di rifuggirlo, racconta la nostra cinestetica. Affrontare il tema del sogno con il linguaggio della danza vorrà dire conoscere il proprio centro e le proprie periferie, cimentarsi in esplorazioni di improvvisazione motoria capaci di liberare la nostra parte onirica. Riflettere sulla presenza e sull’assenza, sullo spostamento dinamico, sulla immobilità che sconfina con la sola danza dell’immaginazione. Il seminario è rivolto a danzatori e attori e l’unica tecnica richiesta è quella dell’ascolto e della partecipazione attiva al lavoro.

Obiettivi dell’intervento: condurre i partecipanti ad ampliare e rinnovare il proprio vocabolario motorio costruendo una consapevolezza globale del corpo; far emergere potenzialità creative e associative tra il corpo interno e il corpo esterno; vivere la danza come un facilitatore educativo per mettere in relazione sé e gli altri, sé e l’ambiente circostante.

No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.